Abusivismo, spunta una nuova sanatoria “Più poteri ai Comuni”

da Il Mattino

di Carlo Porcaro

“Bilancio, il governatore Vincenzo De Luca non intende correre rischi e mette la fiducia. Oggi dalle 12 la votazione in Consiglio regionale, dove l’oggetto della discussione sarà il classico maxi-emendamento che tutto contiene. Dai fondi per gli asili nido aziendali a quelli per due Consorzi territoriali di bonifica fino allo stanziamento di 28 milioni per ripianare i debiti della Sma, la società regionale che si occupa di smaltimento fanghi e tutela dei boschi al centro di un’inchiesta giudiziaria. I tempi sono strettissimi, nella seduta di ieri è stata approvata la risoluzione di maggioranza con 28 voti favorevoli mentre il testo definitivo del collegato è arrivato dalla giunta poche ore fa e manca ancora il parere del Collegio dei Revisori. È atteso per la mattinata di oggi, in extremis per rispettare l’obbligo del controllo preventivo di contabilità da parte di un organismo terzo rispetto alla giunta.”

In effetti, con riferimento agli abusi edilizi,  si riaprirebbero i termini della c.d. “legge Caldoro” (art. 131  legge regionale n. 38 del 29 dicembre 2017) portando la scadenza al 31 dicembre 2019.

I Comuni avranno un anno di tempo per provvedere alla regolarizzazione dei manufatti abusivi. La norma consentirebbe alle amministrazioni comunali di acquisire al patrimonio  gli immobili abusivi.